Fenicia Medical fa parte di Fenicia Network

  • Home
  • Blog
  • L’arte del digiuno, l’appuntamento prenatalizio a Pollenzo con Nutricia

L’arte del digiuno, l’appuntamento prenatalizio a Pollenzo con Nutricia

Sembra un paradosso. A pochi giorni di distanza dalle vacanze natalizie, e dalle conseguenti abbuffate, un gruppo di medici, dietisti e farmacisti si riunisce per affrontare il tema del digiuno e della sua importanza dal punto di vista terapeutico in occasione della Sesta Giornata di Nutrizione Clinica.

La Giornata di Nutrizione Clinica è un incontro annuale, che si tiene a Pollenzo, in provincia di Cuneo, organizzato da Fenicia Events e dalla Nutricia, azienda che si occupa da oltre trent’anni di nutrizione medica. L’incontro riunisce medici, dietisti e farmacisti per passare in rassegna i principali aspetti legati al vasto mondo della nutrizione e anche, come quest’anno, quelli che possono sembrare agli antipodi, ovvero il digiuno.

La cultura del digiuno

Non è di certo una moda del momento quella del digiuno. Basti pensare alle tre più grandi religioni monoteiste, il Cristianesimo, l’Islam e l’Ebraismo, che contemplano questa pratica per l’opportunità che dà ai credenti di liberarsi dai loro peccati e di intraprendere quel percorso adatto a congiungersi con la sfera divina. Il digiuno rende più forti, tolleranti e resistenti nei confronti delle avversità e più empatici verso chi soffre. Abbandonando la dimensione ultraterrena per ritornare con i piedi per terra, il digiuno è anche quella pratica adottata per protestare nei confronti delle ingiustizie e per far sentire, attraverso azioni concrete, la propria voce, disposta alla penitenza per vedersi riconosciuto un diritto importante. Forza, purificazione e autocontrollo. Ma cosa c’entra tutto questo con il digiunare per migliorare la propria salute?

Dalla dieta mima digiuno allo smart food

Dal punto di vista della salute parlare di digiuno apre scenari molto più complessi su cui è necessario porre un indirizzamento preciso per evitare di perdersi. In un periodo in cui è molto facile seguire i trend delle varie diete, come la dieta mima digiuno, lo smart food, chiamato anche longevity food, il digiuno intermittente e tutte le varie alimentazioni alternative, soprattutto da parte delle fasce di popolazione più giovani, un evento scientifico dedicato risulta necessario per calibrare il messaggio. Le Giornate di Nutrizione Clinica di Pollenzo hanno proprio quest’obiettivo. I congressi medico scientifici in generale in realtà hanno come obiettivo primario quello di veicolare in maniera giusta fondamentali messaggi e tutti gli attori in campo sono responsabili di raccontare nel modo più esatto, fedele e chiaro possibile il senso di tutto, ognuno a modo suo e mantenendo saldi i confini della propria professionalità.

Per tornare al digiuno quindi, quando si affronta questo argomento dal punto di vista della salute non si fa riferimento all’astinenza dal cibo, che a volte può essere necessaria, bensì all’imitazione, attraverso un percorso ben definito e assistito, degli effetti del digiuno. Questo si ottiene riducendo l’apporto di calorie da ingerire per un limitato periodo nell’arco di un mese ogni tre-sei mesi, a seconda delle necessità. La dieta mima digiuno ridurrebbe i fattori di rischio e i biomarcatori di invecchiamento, diabete, malattie cardiovascolari e cancro, oltre a prevenire e a curare allo stesso tempo il sovrappeso.

Gli studi che associano alimentazione e cancro o alimentazione e malattie cardiovascolari non sono di certo una novità. Questo collegamento risiede principalmente nelle sostanze che sono contenute all’interno di alcuni alimenti o la contaminazione che queste stesse possono subire. Non si cade dalle nuvole neanche quando si vedono elencati i cibi da evitare per il bene generale della propria salute, ovvero grassi e proteine animali, e quelli considerati invece salutari, legumi, frutta, verdura, cereali integrali, pesce.

Non stupisce quindi che la nuova dieta smart food, quella dei “cibi intelligenti”, comprenda quegli alimenti considerati di base salutari eccetto uno, che potrebbe sembrare un’eccezione: il cioccolato fondente al 70 per cento. Assunto in piccole dosi questo goloso alimento è utile per il regolamento dei livelli di colesterolo e per migliorare l’elasticità dei vasi e la fluidità del sangue. Per citarne altri parliamo di: arance rosse, asparagi, cachi, cavoli rossi, ciliegie, cipolle, fragole, frutti di bosco, lattuga, melanzane, mele. Il fatto che siano definiti cibi intelligenti deriva dalla loro proprietà di contribuire alla salute e limitare l’invecchiamento grazie alla loro capacità di interagire con il DNA. Dal punto di vista della loro assunzione la dieta smart food prevede uno schema bilanciato con metà di frutta e verdura, più verdura che frutta, un quarto di proteine e un quarto di cereali, meglio se integrali.
Gli alimenti base di una dieta sana e corretta dunque sono quelli, lo schema può cambiare in base alle necessità e a ciò che viene stabilito dallo specialista, figura fondamentale nel percorso di “digiuno” salutare, di cui però spesso ci si dimentica proprio per la fretta di stare al passo con i trend del momento.

Giornate come quelle dedicate alla Nutrizione Clinica, che si tengono in periodi in cui il protagonista è un cibo non proprio salutare, servono proprio per porre lo stampo scientifico a questa ondata di informazioni e interpretazioni e per ricalibrare l’ondata di informazioni che subiamo quotidianamente. A non essere salutare però, la maggior parte delle volte, è il comportamento delle persone nei confronti del cibo, che poi è quello a fare la differenza ed è quello che deve essere realmente calibrato.

Al netto quindi, ma anche in virtù delle scoperte, discutibili o meno, che si fanno in campo della salute è sempre bene un confronto tra esperti.

 Che i cenoni di Natale e Capodanno vi siano lievi…e piacevoli!

Detto questo, come fornitore di servizi, rimanendo nel generico, noi di Fenicia Events non ci schieriamo con nessuna linea di tendenza, come anticipatamente affermato. Il nostro interesse è quello di fare bene il nostro lavoro riportando quello che accade intorno a noi. E proprio per questo e anche perché ci troviamo a pubblicare questo articolo immediatamente prima del cenone della vigilia e del pranzo di Natale, non possiamo che augurarvi di allietare il vostro palato, ma con garbo.
Alla fine mangiare, e bene, è soprattutto un piacere.

 

Buon Natale!

Ilaria Petta

Giornalista pubblicista convertita al marketing digitale. Scavo nel web per connettere i bisogni delle aziende a quelli dei loro clienti. Credo fortemente nelle relazioni concrete tra le persone e utilizzo la potenza del web per renderle durature, autentiche e proficue.
Demo

Fenicia Eventi

Congressi

I prossimi congressi organizzati da Fenicia

Dove siamo

  • Sede legale
    Via Tor De’ Conti, 22 00184 Roma

Contatti

Tel. 06.87671411 – Fax 06.62278787
Fenicia Whatsapp +39 342 8211587
E-mail: info@fenicia-events.eu