• Home
  • Blog
  • Congresso nazionale Sin-Siommms, un 2017 di buon auspicio per gli anni a venire

Congresso nazionale Sin-Siommms, un 2017 di buon auspicio per gli anni a venire

Lo abbiamo introdotto quest’estate, nell’ambito delle attività annuali di Fenicia Events, attraverso l’intervista di presentazione. Oggi, a chiusura dell’anno, riparliamo del Congresso Nazionale Sin-Siommms dello scorso novembre per dare spazio alle considerazioni finali della Dottoressa Maria Fusaro.

La Dottoressa Maria Fusaro, nefrologa e ricercatrice del CNR-IFC di Pisa e del DIMED dell’Università di Padova, è stata coordinatrice Sin del Primo Congresso Nazionale Congiunto Sin-Sommms le quali, ricordiamo, rappresentano rispettivamente la Società Italiana di Nefrologia e la Società Italiana di Osteoporosi e Metabolismo Minerale Osseo e delle Malattie dello Scheletro. Oltre ad aver coordinato il Congresso Maria Fusaro è anche una delle promotrici, assieme a molti altri esponenti di spicco del panorama scientifico, dell’attività congiunta delle due società, apparentemente così diverse ma in realtà estremamente collegate per via della correlazione scientifica tra Malattia renale cronica e osteoporosi.

E la Dottoressa Maria Fusaro lo sa bene, essendo da anni impegnata negli studi sulla vitamina K e sempre presente per porre enfasi sull’importanza di progredire nella ricerca in questo senso. Attraverso noi di Fenicia Events nello specifico infatti non ha mai mancato di farlo, sia per spiegare nel dettaglio gli obiettivi di questa collaborazione, che ormai va avanti dal 2015, nell’intervista di presentazione che ora, a un mese di distanza dal Congresso, per esprimere la sua soddisfazione.

Se da una parte si chiude un percorso, dall’altra se ne apre uno nuovo con il Seminario di Osteoporosi e Alterazioni del Metabolismo Minerale Osseo del prossimo settembre, presieduto proprio dalla Dottoressa Fusaro.

Di obiettivi infatti non si smette mai di parlare ma soprattutto, e principalmente in un mondo in continua evoluzione come quello della ricerca scientifica, su questi non si finisce mai di lavorare.

 

Dottoressa Fusaro, dopo i tanti mesi di impegno utili a realizzare questo Congresso ci può dare le sue impressioni? Può ritenersi soddisfatta?

Assolutamente sì, direi che sono proprio soddisfatta. Il convegno è stato un successo sotto ogni punto di vista: dall’affluenza dei colleghi che è stata massima, all’attiva partecipazione di tutti durante le sessioni di lavoro. Il  I° CONGRESSO NAZIONALE DELLA COMMISSIONE CONGIUNTA SIN (Società Italiana di Nefrologia) e SIOMMMS (Società Italiana di Osteoporosi e Metabolismo Minerale Osseo), ha ben evidenziato lo scopo per cui è nato tale connubio ovvero non solo per raggiungere una condivisione nello studio e nella ricerca, ma anche per incentivare ad esempio la diffusione, a livello nazionale, della biopsia ossea nei pazienti affetti da  fratture da fragilità al fine di porre una giusta diagnosi per un trattamento più opportuno. All’evento erano presenti 22 docenti nazionali e internazionali e 103 discenti provenienti da queste discipline: Biologo; Tecnico Sanitario Laboratorio Biomedico; Fisioterapista; Infermiere Professionale; Medico Chirurgo specializzato in, Cardiologia, Ematologia; Endocrinologia, Geriatria, Medicina Interna, Nefrologia, Reumatologia, Medicina Generale.  Quindi il convegno, per la prima volta, ha consentito il  confronto tra nefrologi e altri specialisti presenti, sempre più spesso coinvolti nella gestione dei pazienti affetti da Malattia renale cronica.

Quali obiettivi ritiene importanti, per lei, ma soprattutto per le società interessate allo studio della relazione tra malattia renale cronica e osteoporosi?

Nell’ambito dell’osteoporosi nella Malattia renale cronica l’obiettivo è quello di far conoscere le alterazioni del metabolismo minerale (MM) nel paziente uremico, in considerazione dell’elevata incidenza di fratture da fragilità in questi pazienti rispetto alla popolazione generale, e  la complessa relazione esistente tra osso, rene, cuore, che comporta inoltre un aumento di calcificazioni vascolari e un rischio cardiovascolare.

Cosa significa relazionarsi con importanti figure internazionali come il Professor Cannata, uno dei relatori del Congresso, dal punto di vista scientifico? Quali sono i più interessanti punti di incontro con la platea scientifica internazionale?

Il prof  J. Cannata-Andia , già Direttore del Dipartimento di Unità di Metabolismo Osseo di Oviedo (Spagna) dal 2007 al 2016 ed ex presidente EDTA (2005-2008), rappresenta uno dei maggior esperti di Metabolismo Minerale nell’ambito dello scenario internazionale ed è un maestro per tutti noi. Io mi reputo infatti una sua allieva (prima di eseguire il Draft della mia prima multicentrica, VIKI study, ho voluto assolutamente l’approvazione del Professor Cannata). Inoltre, alla sua grande competenza scientifica e all’esperienza clinica abbina un’enorme semplicità nella comunicazione, che poi è quella che riesce a coinvolgerti nei suoi talk trascinandoti inevitabilmente  nell’argomento, grazie alla passione ed entusiasmo che lo contraddistingue.

Dottoressa come vede il connubio tra queste due società da qui a 5 anni?

Ho sempre creduto in questo connubio fin da quando frequentavo i convegni della SIOMMMS. Ora che si è consolidato quindi, sono sicura che andrà avanti. La collaborazione intersocietaria consentirà non solo una crescita formativa sul MM, ma offrirà gli strumenti necessari per  creare una proficua collaborazione multidisciplinare, indispensabile per attuare un appropriato ed attento iter diagnostico e un corretto uso dei farmaci nel paziente con malattia renale cronica. Sono inoltre convinta che si creeranno i presupposti per effettuare finalmente dei lavori collaborativi con progetti specifici volti ad una miglior comprensione di un paziente ‘fragile’ con pluri-patologie, qual è il nefropatico cronico.

 A questo proposito vuole dirci qualcosa sul prossimo Seminario sull’Osteoporosi che si terrà a Padova dal 19 al 21 settembre del 2018?

Questo congresso giunge alla sua IV edizione. E’ il congresso che dedico a mio Papà, al quale debbo questo cammino scientifico come ricercatrice. Sarà per me un onore e un piacere avere come Co- Presidente il Professor Giovanni Tripepi di Reggio Calabria e come coordinatori del comitato scientifico la Dottoressa Maria Cristina Mereu, il Professor Maurizio Gallieni e il Prof. Sandro Giannini.

Colgo l’occasione per sottolineare alcuni elementi che lo contraddistinguono: corsi pratici, riguardanti sia l’uso dell’ecografo nella diagnosi di iperparatiroidismo con ecografi e pazienti, che di manichini per l’esecuzione della biopsia ossea; interazione durante i talk con i docenti; workshop rotation con discussione dei casi clinici con gli esperti; premio donna alla ricerca Elena Lucrezia Cornaro e donna medico in ricordo della Dottoressa Marcon. Un’altra importante novità è la sessione poster con premi ai miglior poster pervenuti. Spero che tutti questi elementi siano decisivi per sperare in una numerosa affluenza di partecipanti.

E ha scelto sempre Fenicia Events per la sua gestione, giusto?

Sì, proprio per la professionalità che ha sempre dimostrato, ma non solo. Quando lavoro con Fenicia Events c’è sempre un coinvolgimento che va oltre l’aspetto professionale. Quando organizziamo un congresso insieme si percepisce la passione che mettiamo nei nostri rispettivi lavori e questo per me è fondamentale e fa la differenza.

Vuole ringraziare qualcuno in particolare Dottoressa per quanto riguarda l’esito del Congresso Sin Siommms?

Voglio rivolgere un sentito ringraziamento a tutti coloro che hanno reso possibile la realizzazione di questo evento, e quindi contribuito al suo successo. Mi rivolgo ai Presidenti e a tutti i rappresentanti del gruppo di lavoro congiunto delle due Società Scientifiche promotrici: la  SIN, Società Italiana di Nefrologia,e la  SIOMMMS, Società Italiana dell’Osteoporosi, del Metabolismo Minerale e delle Malattie dello Scheletro, alle aziende che svolgono un ruolo fondamentale in questo cammino di crescita e, soprattutto, ai discenti, per me parte fondamentale. Il loro supporto professionale ed emotivo mi stimola sempre a fare meglio e io mi batto fino alla fine per riuscire a essere all’altezza delle loro aspettative.

 

Ilaria Petta

Giornalista pubblicista convertita al marketing digitale. Scavo nel web per connettere i bisogni delle aziende a quelli dei loro clienti. Credo fortemente nelle relazioni concrete tra le persone e utilizzo la potenza del web per renderle durature, autentiche e proficue.
Demo

Fenicia Eventi

Congressi

I prossimi congressi organizzati da Fenicia

Dove siamo

  • Sede legale
    Via Tor De’ Conti, 22 00184 Roma

Contatti

Tel. 06.87671411 – Fax 06.62278787
Fenicia Whatsapp +39 342 8211587
E-mail: info@fenicia-events.eu